cembaloscrivano

masticando arte, a caso

Tag: Letteratura

12 maggio. Nasce Ventuno12, il sito di condivisione creativa ispirato alla fine del mondo

Un messaggio dal Team di Ventuno12

Ventuno12.com

Ventuno12? Una data apocalittica per un nuovo sito di condivisione creativa – www.ventuno12.com – che non ha nulla a che vedere con presunte apocalissi, se non il nome, ma ha molto a che vedere con fantasia, immaginazione e diffusione di contenuti artistici.

Tutto riguarda un ripensamento a partire dal concetto di fine, presunto o meno, per condividere i propri prodotti migliori, che sembravano non valere la pena e la fatica di una pubblicizzazione.

Insomma, un’idea innovativa e rivoluzionaria che fa leva sulla scaramanzia a proposito della fine del mondo, ma anche sulla volontà di tesorizzare, a livello virtuale, la ricchezza, spesso data per scontata, dei creativi italiani.

Se la fine del mondo sopraggiungesse non sarebbe bello lasciare un’impronta delle proprie capacità artistiche almeno in una rete che non si distruggerà, essendo immateriale?

E se la fine del mondo non arrivasse? Be’, tanto meglio! Al posto di parlare con negatività dell’apocalisse, se ne sarebbe fatto un tesoro e si sarebbe riempita la rete di contenuti inediti.

Creativi italiani: la fine non è altro che il vostro inizio… almeno su Ventuno12.

Ventuno12. La fine è solo l’inizio

Sulla pagina Facebook Ventuno12 – potete pubblicare le vostre foto e i vostri video. Oppure allegarli via mail. Potete anche spedire i vostri scritti, che saranno inseriti sul sito in formato PDF, scaricabili e leggibili anche su Tablet. L’indirizzo mail è info@ventuno12.com. Il materiale verrà selezionato e  “uploadato” sul sito ogni settimana.

Link:

Ventuno12

info@ventuno12.com

Facebook

Twitter

Youtube

L’insostenibile pesantezza dell’esser-ci

l’Essere di Kundera e l’Esser-ci di Heidegger
a confronto

Una storia di passioni e nostalgia sui possibili incastri delle tre dimensioni temporali: passato, presente e futuro. La scena in cui si svolge l’azione è la Praga del 1968, con le sue speranze, piegate poi dalla successiva invasione russa.

Quattro vite si incrociano. All’apparenza si tratta di due coppie: Tomáš e Tereza, Sabrina e Franz. Quattro caratteri dissimili fra loro, le cui esistenze si incontreranno in un cerchio di sentimenti, paure, rimpianti. E in questo crogiuolo, in cui tutto accade, ma nulla sembra cambiare, si rivela il dramma che Kundera cuce magistralmente – che è poi anche il titolo del suo capolavoro –: L’insostenibile leggerezza dell’essere.

Potrebbe essere appropriato applicare alla lettura di Kundera la terminologia usata da Heidegger per descrivere il modo in cui l’Essere si concede fenomenologicamente nella storia temporale: Dasein (Esser-ci); tentativo filosofico di approssimarsi alla primaria natura dell’Essere.

Da questo punto di vista, il romanzo di Kundera sembra rappresentare una valida metafora per sondare il rapporto insostenibile e pesante che l’Esserci (come soggetto, che vive in uno spazio-tempo) ha con l’Essere.

L’amaro che rimane, leggendo e ripercorrendo quelle casualità che portano i protagonisti a incrociarsi e poi a disperdere qualcosa del loro sé, nell’incontro, pur rimanendo sempre identici, è rivelativo di un rapporto mancato con il fluire dell’Essere, che si rivela nella storia, ma non è mai colto e mai assunto nella sua istantaneità e insondabile leggerezza.

In definitiva, i quattro protagonisti subiscono gli istanti dei quali e nei quali si formano le loro esistenze, senza capire che in quell’istantaneità tutto potrebbe essere capovolto, reinventato. Essi percorrono la loro strada, come un percorso necessitante, piatti. E in questo Kundera rivela quello che lo stesso Heidegger capì, lasciando interrotto Essere e Tempo: ovvero che l’Esserci, come esistenza soggettiva, non può mai riuscire a cogliere la sostanziale e leggera libertà dell’Essere.

 

 

 

Riferimenti bibliografici

Milan Kundera, L’insostenibile leggerezza dell’essere, Adelphi, Milano 1989

Martin Heidegger, Essere e Tempo, Longanesi, Milano 2005

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: